ECONAT

Ecologisti Naturisti

         
 

 

PERCHE’ ECOLOGISTI E NATURISTI (ECO-NAT) ?


Dopo il periodo fertile (tra la fine del 1800 e i primi decenni del 1900) in cui si é sviluppata la filosofia naturista e ha dimostrato tutta la sua carica innovativa, é arrivato il letargo che, purtroppo, continua ancora oggi.


Perle Bleue
Rughe - problema risolto!
http://www.e-odchudzanie.com.pl/it/perle-bleue-opinioni.html

 

 

 

 

Il nostro movimento, dal dopo-guerra in poi, ha perso le sue caratteristiche peculiari, in poche parole, ha perso la sua identità. Esso è formato da persone che si avvicinano alle associazioni naturiste perché stimolati dalla curiosità che suscita la "nudità" o conquistati dal benessere che in genere si ricava dallo stare nudi in un ambiente bello e incontaminato.

Catch Me Patch Me
Ridurre il peso utilizzando le patch!
http://www.e-odchudzanie.com.pl/tr/catch-me-patch-me-yorumlar.html
Drivelan
Hai un problema con erezione? Non solo tu!
http://www.e-odchudzanie.com.pl/es/drivelan-opiniones.html

Le nostre associazioni non hanno più la carica riformatrice e rivoluzionaria che avevano all'inizio del '900, quando la filosofia naturista aveva messo sotto accusa ogni aspetto del vivere, dalla medicina all'alimentazione dal modo di concepire la natura e il modello sociale ai rapporti tra le persone. In poche parole, chi diventava naturista assumeva uno "stile di vita" e una filosofia che lo portava a vivere in modo profondamente diverso da chi non lo era.

Znalezione obrazy dla zapytania PERCHE’ ECOLOGISTI E NATURISTI (ECO-NAT) ?

Il mio suggerimento (contenuto anche nel mio libro: Naturismo, la scoperta della nudità - Xenia edizioni) è di uscire dal letargo per riappropriarsi di quelle tematiche originali quali: la medicina e l'alimentazione naturale. Bisogna mettere sotto accusa il "liberismo" e tutti quei modelli sociali che inneggiando al pofitto permettono lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo. Dobbiamo ribadire con forza la lotta al consumismo.

Dobbiamo difendere l'ambiente da tutti coloro che credono che una strada sia più importante di un albero, una fabbrica più importante di una montagna, lo sviluppo economico più importante della natura stessa. Dobbiamo infine riappropriarci del concetto di "qualità della vita", l'unico metro possibile per misurare il progresso o la civiltà di un popolo.

Per far ciò bisogna instaurare rapporti di collaborazione con tutte le realtà (associazioni, gruppi o partiti) che sono in sintonia con i nostri valori. In una società che si fa sempre più complessa, dobbiamo avere il coraggio di schierarci, in modo chiaro e determinato, con tutte le forze che si battono per difendere la natura dal saccheggio e dalla distruzione.

Dobbiamo avere il coraggio, inoltre, di infrangere il tabù della “neutralità dei naturisti” rispetto alla politica. Fino a quando, al centro del dibattito politico, ci sarà il tema dello “sfuttamento selvaggio” della natura, che viene compiuto in modo sistematico con scelte anche politiche, non vedo come possano i naturisti non schierarsi dalla parte giusta. Qualsiasi altra scelta, compresa la neutralità, non solo apparirebbe “contro la natura” ma anche e in modo particolare “contro-natura”.

Alla base del nostro essere naturisti rimane la definizione data dal XIV congresso mondiale della FNI ( Agde 1974 ), un concetto semplice ed efficace nel quale ci riconosciamo completamente:
Il naturismo è un modo di vivere in armonia con la natura, caratterizzato dalla pratica della nudità in comune, allo scopo di favorire il rispetto di se stessi, degli altri e dell'ambiente.

Nicolò Spinicchia..(Presidente Econat)


 
Homepage